Progetto

Tutti a tavola

milioni di persone nel Sud del Paese minacciate dalla fame

Il sud del Madagascar si trova nella morsa di una catastrofe umanitaria, con 1,5 milioni di persone, la metà della popolazione, che ha immediato bisogno di assistenza alimentare d’emergenza. È l’allarme lanciato dall’agenzia ONU World Food Programme (WFP) che sottolinea come tre anni consecutivi di siccità abbiano distrutto i raccolti e ostacolato l’accesso al cibo delle persone.

Progetto: Tutti a Tavola

Sono soprattutto donne e bambini a soffrire condizioni di fame a livelli di ‘crisi’ o di ‘emergenza’, e il loro numero è triplicato rispetto alle previsioni di metà anno.

0
NUMERO PASTI ANNUALI
0
Numero bambini sostenuti

IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

Secondo la IV DHS (Ricerca Demografica Sanitaria ONU 2008-9) il 50,1% dei bambini malgasci sotto i 5 anni soffre di ritardo nella crescita, la percentuale più alta di tutta l’Africa, superata a livello mondiale solamente da Afghanistan e Yemen.

L’andamento tra il 1992 e il 2015 non mostra alcun progresso rilevante dopo il 2000. La situazione è ancora più grave nelle aree meridionali e sud-orientali del Madagascar, dove il tasso di ritardo nella crescita raggiunge il 63%. Ricerche nutrizionali condotte nella stagione secca indicano che la malnutrizione acuta nei bambini sotto i 5 anni varia tra il 10% e il 15%.

Solo il 50% dei bambini malgasci vengono allattati esclusivamente al seno fino a 6 mesi. Anche le carenze di micronutrienti sono un problema sanitario nazionale: il 51,2% dei bambini sotto i 5 anni soffre di anemia.

Preoccupa anche la malnutrizione materna: il 26% delle donne in gravidanza soffre di ritardo della crescita (altezza inferiore ai 145 cm), il 19% è deperito (indice di massa corporea inferiore a 18) e il 35,9% è anemico. Si stima che solo il 7% delle donne assuma ferro e folati durante la gravidanza. Il 30% delle donne partorisce il primo figlio prima dei 18 anni.

Tutto ciò contribuisce all’alto tasso di neonati sottopeso: in Madagascar il 17% al momento della nascita pesa meno di 2,5 kg.

OBIETTIVO DI PROGETTO

L’obiettivo generale di questa iniziativa è quello di contribuire al significativo miglioramento delle condizioni alimentari dei bambini presenti nella scuola pubblica l’EPP Tanambao-Morafeno. Aid4Mada Onlus ha costruito una mensa scolastica all’interno dell’istituto per permettere la distribuzione dei pasti che avviene tre volte al giorno cinque volte alla settimana, il mattino per la merenda, a pranzo e la sera per dodici mesi all’anno: il pasto completo prevede la distribuzione di riso, alternativamente con fagioli, carne, pesce o verdura accompagnato da frutta.

PRIORITÀ STRATEGICHE DEL PROGETTO

Le priorità strategiche del progetto “Tutti a Tavola” possono essere classificate in tre linee principali: 

Incremento del numero di bambini che frequentano la scuola: il pasto garantito infatti è la motivazione per tanti bambini ad andare a scuola, visto che per molti di loro è l’unico pasto della giornata;

Aumento del livello di concentrazione degli alunni ed i risultati scolastici: i bambini studiano ed apprendono più facilmente a stomaco pieno;

miglioramento dello stato di salute dei bambini grazie ad una dieta ricca e varia.

Contributo agli Obiettivi ONU 2030

Partner
  • Scuola pubblica EPP Tanambao-Morafeno
Area di intervento

Tulear

Stato del progetto

Il progetto è iniziato il 12 novembre 2018 ed è tuttora in corso.

Nicole

Responsabile progetto in Italia

Fardalina

Responsabile progetto in Madagascar

I nostri progetti

ACQUA

SCUOLA

ORFANOTROFIO

ALIMENTAZIONE

UNIVERSITÀ

AGRICOLTURA

Richiedi informazioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi