L’Effetto Serra arriva in Madagascar

Stiamo per realizzare la prima Serra di Agricoltura Idroponica in Madagascar

Dopo l’istruzione scolastica, le borse di studio universitarie e l’acqua potabile abbiamo deciso di aprire un nuovo filone di intervento.

E di farlo in grande stile.

Nell’estate 2020 costruiremo all’interno della nostra scuola di Tulear una serra per la coltivazione fuori suolo di verdure e ortaggi, con la tecnica conosciuta come “agricoltura idroponica”.

Ma che cos’è l’agricoltura idroponica?

È una tecnica particolarmente adatta ai climi aridi quale quello del Sud del Madagascar, che non favoriscono la coltivazione a suolo. 

Infatti le colture vengono inserite all’interno di tubi sopraelevati, dentro i quali scorre continuamente un flusso di acqua e sostanze nutrienti, regolato da una centralina e una pompa solare.

Sembra complesso, ma in realtà cercheremo di usare il più possibile materiali disponibili in loco e di formare il personale addetto, per renderlo autonomo nella gestione e manutenzione dell’impianto.  

Bloomproject, la start up che ci aiuterà a realizzare tutto questo, ha già installato diversi impianti di questo tipo in altri Paesi dell’Africa Sub-Sahariana, ottenendo importanti risultati in termini di raccolta e consumo di acqua.

La progettazione dell’impianto verrà effettuata nei prossimi mesi dai tecnici Bloomproject e da ricercatori del DAFNAE dell’Università di Padova, che tra giugno e luglio 2020 si recheranno poi a Tulear per realizzarlo.

Perché abbiamo deciso di avviare questo progetto?

Il nostro obiettivo è duplice.

In primo luogo, faremo mangiare meglio i nostri bambini. La serra infatti fornirà verdure e ortaggi che saranno destinati alla mensa scolastica della EPP Tanambao-Morafano, a cui ogni giorno mangiano tutti i nostri studenti. In questo modo potremo garantire loro una dieta più varia, naturale e a km 0.

In secondo luogo, creeremo occupazione per le mamme dei bambini. Saranno loro infatti a costituire una cooperativa, che si occuperà della gestione operativa della serra. La vendita del raccolto alla mensa scolastica e, per l’eccedenza, ai mercati di Tulear diventerà per queste donne una fonte di reddito più sicura e stabile rispetto ai lavori occasionali che la maggior parte di loro oggi svolge.     

Un po’ di numeri…

L’impianto che realizzeremo ci consentirà di coltivare oltre 5.000 piante all’anno, che nel caso dell’insalata si traducono ad esempio in 2.300 kg annui, con fino a 7 cicli di raccolto.

Il costo totale di progettazione, realizzazione e avvio della serra ammonterà a circa 18.000 €.

È una cifra importante, ma la cosa bella è che ne abbiamo raccolto già quasi la metà.

Un’importante azienda della provincia di Bolzano infatti ha deciso di stanziare ben 8.000 € a favore del progetto.

Quest’azienda si chiama Rothoblaas ed è la multinazionale italiana che ha fatto dell’innovazione tecnologica la propria mission, diventando in pochi anni punto di riferimento delle tecnologie per costruzioni in legno e per la sicurezza. Ogni anno destina una quota delle risorse a propria disposizione a iniziative benefiche in tutto il mondo, per contribuire allo sviluppo sociale ed economico di comunità bisognose in territori vicini e lontani.

Quindi, grazie all’importante contributo di Rothoblaas, per poter finanziare il progetto ci mancano “solo” altri 10.000 € da raccogliere…

E qui entri in gioco tu

A novembre lanceremo una raccolta fondi in collaborazione con Noi Siamo Agricoltura, la più grande community italiana di agricoltori online, e Image Line, l’azienda che dal 1988 si occupa di informatica e comunicazione per l’agricoltura.

Sarà una campagna molto divertente, che prevedrà anche diverse ricompense interessanti per i donatori.

Anche tu ovviamente potrai partecipare e contribuire all’EFFETTO SERRA in Madagascar! 

CONDIVIDI LA NOTIZIA
Facebooklinkedinmail

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi